Vision Cup 2017, Creston,B C, Canada

Creston si trova a circa un’ ora di volo da Vancouver, sulle colline che si estendono verso Est a circa 900 metri sul mare.
Il campo, per alcuni aspetti, ricorda un po’ Villa D’Este, con l’aggiunta di alcuni laghi che circondano due par 3 e uno che limita il fairway della buca 14 sulla destra sino al green, 4 par 5 di circa 500 yard ciascuno, diversi dog leg e una vegetazione rigogliosa arricchita da pini ,abeti che delimitano i fuori limite lungo tutto il percorso.
Ciò che ha impressionato tutti i 24 giocatori è stata la nutrita presenza di volontari, soci,fore caddies, score markers, marshall che hanno vissuto con entusiasmo questa terza edizione della Vision Cup.
Ringrazio Nicola Montanaro che ha riportato sul sito della Federgolf tutti i risultati giornalieri e ne approfitto per qui di seguito rendervelo noto.in questa news.
La squadra blind del Resto del Mondo ha conquistato per la terza volta in altrettante edizioni la Vision Cup, la sfida con la selezione del Nord America, sul modello Ryder Cup, per giocatori non vedenti, La gara è terminata in parità, 12-12, ma in trofeo è rimasto al Rest of Word, perché detentore. In precedenza il team mondiale aveva avuto la meglio per 13,5-12.5 a Columbus in Georgia nel 2013 e per 14,5-9,5 nel 2015 a Villa d’Este.
Sempre presente Andrea Calcaterra, vincitore di tante gare internazionali di prestigio, che questa volta ha portato due punti alla causa. Nei doppi l’italiano ha fatto coppia con il sudafricano Lee Slattery e nei prima sessione (3,5-2,5 per il RoW) i due si sono imposti per 8/7 sui canadesi Darcy Furber e Joe Furber. Nella seconda (parziale di 3.5-2,5 per il NA) hanno lasciato strada a Darcy Furber (Can)/Chad Nesmith (Usa) per 4/3.
La giornata finale, in cui erano in programma dodici singoli, è iniziata sul 6-6 e 6-6 è stato anche il punteggio parziale dei singoli. Calcaterra, 64 anni, ha superato per 2/1 lo statunitense Chad Nesmith, 28 anni ed elemento in ascesa. Gli altri quattro punti del Resto del Mondo sono stati ottenuti da John Eakin (Ing) (6/5 su Tommy Marks, Usa), Lee Slattery (3/2 su Darcy Furber, Can), Peter Osborne (Ing) (4/3 su Doug Penner, Can) e da Zohar Sharon (Isr) (5/4 su Gerry Nelson, Can). Per gli avversari a segno Jeremy Poincenot (Usa) (2/1 su Stephen Mitchell, Aus), Linda Port (Usa) (4/3 su Alistair Reid, Sco), Derek Kibblewhite (Can) (4/3 su Andy Gilford, Ing) Harry Hester (Usa) (6/5 su In Chan Cho, Cor) e da Mario Tobia (Usa) (5/4 su Dong Sig Im). Pari tra Jeong Il Yoo (Cor) e Joe Furber (Can) e tra Cameron McDiarmid (Sco) e Darren Douma (Can).
Segue il dettaglio dei risultati della seconda e prima giornata

SECONDA GIORNATA – La selezione del Nord America e quella del Resto del Mondo sono in parità 6-6 dopo la seconda giornata della Vision Cup, sfida sul modello Ryder Cup per giocatori non vedenti che si sta disputando sul percorso del Creston Golf Club, a Creston in Canada. Dopo il 3-2 favorevole al Rest of World i nordamericani hanno ottenuto lo stesso parziale nella seconda serie di doppi e tutto è ora demandato ai 12 singoli che chiuderanno il torneo.
Nella selezione mondiale gioca Andrea Calcaterra che ha fatto coppia con il sudafricano Lee Slattery. Nella prima giornata i due si sono imposti per 8/7 sui canadesi Darcy Furber e Joe Furber e nella seconda hanno lasciato strada a Darcy Furber (Can)/Chad Nesmith (Usa) per 4/3.
Hanno ottenuto gli altri punti americani Mario Tobia (Usa)/Tommy Marks (Usa) battendo per 1 up Peter Osborne (Ing)/Stephen Mitchell (Aus) e Linda Port (Usa)/Harry Hester (Usa) che hanno superato per 6/5 i coreani Dong Sig Im/Jeong il Yoo. A segno per il Resto d’Europa Alistair Reid (Sco)/Andy Gilford (Ing) (1 up sui canadesi Derek Kibblewhite /Doug Penner) e Cameron McDiarmid (Sco)/Zohar Sharon (Isr) (3/2 sui canadesi Gerry Nelson/Joe Furber). Pari tra John Eakin (Ing)/In Chan Cho (Cor) e Darren Douma (Can)/ Jeremy Poincenot (Usa).
PRIMA GIORNATA – E’ iniziata sul percorso del Creston Golf Club, a Creston in Canada, la Vision Cup, sfida sul modello Ryder Cup tra le selezioni dei giocatori non vedenti del Resto del Mondo e quella del Nord America.
Dopo la prima giornata il team del Resto del Mondo, di cui fa parte l’italiano Andrea Calcaterra, è in vantaggio per 3.5 a 2,5. Il torneo si disputa in tre giornate: nelle prime due si svolgono sei doppi e nella terza dodici singoli. Andrea Calcaterra ha vinto il suo match, in coppia con il sudafricano Lee Slattery, superando con un secco 8/7 i canadesi Darcy Furber e Joe Furber.
Altri due punti sono arrivati alla causa del Rest of World da Cameron McDiarmid (Sco)/Zohar Sharon (Isr) che hanno battuto per 5/4 Darren Douma (Can)/Chad Nesmith (Usa) e da Stephen Mitchell (Aus)/Peter Osborne (Ing) che hanno prevalso per 3/2 su Linda Port(Usa)/Tommy Marks (Usa). Pari tra John Eakin (Ing)/In Chan Cho (Cor) e Derek Kibblewhite (Can)/Doug Penner (Can) e punti per i nordamericani di Jeremy Poincenot (Usa)/Harry Hester (Usa) che hanno battuto per 8/7 Alistair Reid (Sco)/Andy Gilford (Ing) e di Gerry Nelson (Can)/Mario Tobia (Usa) vincitori per 6/5 sui coreani Dong Sig Im/Jeong il Yoo.
Un ringraziamento va a mr Slattery,capitano, John Eakin,vice capitano, che hanno saputo gestire gli accoppiamenti dei doppi e centrare gli avversari dei singoli dell’ultima giornata
La prossima edizione sarà nel 2019, chissà che si possa disputare nuovamente in Italia.